L'8 marzo noi scioperiamo

Roma -

 

Anche quest’anno USB ha risposto alla chiamata di Non Una di Meno e ha proclamato lo sciopero generale per l’8 marzo. Da alcuni anni l’8 marzo è tornato finalmente ad essere una giornata di lotta, sull’onda dello sciopero globale delle donne lanciato da NUDM, a partire dallo slogan “Se non valiamo, non produciamo”.

USB arriva a questo appuntamento con una pubblicazione, “Donne sull’orlo di una crisi di numeri”, che a partire dai dati del World Economic Forum e dell’Istat fotografa una realtà nazionale caratterizzata da gap di genere di enorme entità. Il gap salariale, di opportunità lavorative, di trattamento sui luoghi di lavoro sono la base e le radici di quella violenza che le donne subiscono, la base concreta ed economica dei femminicidi, delle violenze fisiche, delle violenze psicologiche, di quelle economiche cui le donne sono sottoposte dai loro compagni, dai loro mariti, dai loro colleghi e dai datori di lavoro.

  • Appello al mondo della formazione verso lo sciopero femminista globale dell’8 marzo: leggi qui

  • Appuntamenti: Non Una di Meno in Istat ha dato appuntamento alle 9:30 dinanzi all'ingresso della sede centrale, per dirigersi con il proprio striscione al sit-in presso il Ministero del Lavoro in Via Molise. Nel pomeriggio ci sarà un corteo: l'appuntamento in questo caso è stato dato per le 17:00 a Piazza Vittorio Emanuele, angolo MAS. 
  • Non solo Unione Sindacale di Base: anche altre organizzazioni del sindacalismo di base hanno proclamato lo sciopero generale dell'8 Marzo 2019 in tutti i settori lavorativi pubblici, privati e cooperativi.
    Sono: Slai Cobas per il sindacato di classe; Confederazione sindacale Unione Sindacale Italiana; COBAS Confederazione dei Comitati di BaseAssociazione sindacale Unione Sindacale Italiana; COBAS Comitati di Base della Scuola; SGB – Sindacato Generale di Base; CUB Confederazione Unitaria di Base; ANIEF.
  • Non solo sciopero generale: alcune organizzazioni hanno scelto la proclamazione dello sciopero solo per alcuni settori lavorativi, o per la sola regione Lazio.
    • Per la Scuola lo sciopero è stato indetto da: SISA – Sindacato Indipendente Scuola e Ambiente.
    • Per Scuola e Università: Unicobas Scuola&Università – Federazione sindacale dei comitati di base.
    • Per il Servizio Sanitario Nazionale: COBAS Sanità, Università e Ricerca – Settore Lavoro Pubblico.
    • Per la sola regione Lazio e per i settori Scuola, Università, Ricerca e AFAM: FLC CGIL – Federazione Lavoratori della Conoscenza di Roma e del Lazio.
    • Per la sola regione Lazio e per il personale del comparto Funzioni Centrali, Funzioni Locali, Federculture, Federcasa, Sanità Pubblica, Sanità Privata, Igiene Ambientale, SSAE, Vigili del Fuoco, Polizia Penitenziaria: FP CGIL – Federazione Lavoratori Funzione Pubblica CGIL di Roma e del Lazio.