BLOB ENEA

Roma -

Inarrestabile, la melma nera ha invaso l’Enea, portando nelle stanze claustrofobiche della direzione e nei fatiscenti centri di ricerca il lezzo inconfondibile dell’eversione autoritaria.

Adeguandosi ai principi delle ristrutturazioni aziendali, il Presidente - convinto di poter governare l’Enea come una fabbrica di calzini - ha attivato una lista di
 persone da espellere dalle loro unità di appartenenza e da alcuni giorni stanno arrivando le prime lettere di trasferimento ad altrettanti colleghi fino a quel momento ignari di quanto si stava decidendo sulla loro testa.

Come sindacato non ci interessa soltanto puntare il dito contro i casi più vergognosi, come le ritorsioni ai danni di colleghi invisi ai loro superiori o i ricercatori allontanati dal loro campo di attività perché contrario agli interessi dominanti.

Quello che contestiamo è il modo ed il merito di questi trasferimenti forzati.

Leggi tutto sul volantino allegato!

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati