Istat: Iniziativa sulla situazione in Medio Oriente, i pericoli di guerra e il ruolo dell'Italia.

Assemblea giovedì 16 gennaio, h. 10:30; st. 107 sede centrale Istat.

INTRODUCE Domenico Moro, autore de “La Terza guerra mondiale e il fondamentalismo islamico”

RELATORE Sergio Cararo, direttore di Contropiano

Roma -

Invitiamo a partecipare all'iniziativa sottostante.

LA SITUAZIONE IN MEDIO ORIENTE, I PERICOLI DI GUERRA E IL RUOLO DELL’ITALIA

L’assassinio di Soleimani conferma l’esistenza di una tendenza alla guerra dell’Occidente. Negli ultimi anni gli Usa e le potenze europee hanno destabilizzato l’area medio orientale con una serie di interventi militari in Iraq, Afghanistan Libia e Siria, sia in forma diretta sia mediante “guerre per procura”.

Alla radice di questa tendenza aggressiva ci sono la decadenza relativa degli Usa come potenza mondiale egemone e la stagnazione economica dell’Europa occidentale. Questo rende sempre più accesa la rivalità e la concorrenza con i cosiddetti Paesi emergenti, in particolare tra Usa e Cina, ma anche tra Paesi occidentali, come dimostra la crisi interna alla Nato. Non è un mistero che l’Iran, oggetto dell’attacco statunitense, sia un importante tassello della “via della seta” cinese e un fornitore sempre maggiore di petrolio alla Cina, a dispetto dell’embargo statunitense.

L’oggettivo peggioramento della situazione in Iraq/Iran e in modo particolare la recrudescenza degli scontri tra fazioni in Libia hanno un impatto diretto sul nostro Paese, che ha truppe distribuite in tutte le aree di possibile crisi: Iraq, Libano, Afghanistan e Libia. Proprio la situazione in Libia si presenta particolarmente delicata sia per la vicinanza del Paese e sia per l’intervento di Russia e Turchia, che, insieme alla Francia, contendono all’Italia il controllo delle risorse energetiche del Paese. C’è, quindi, il pericolo effettivo che il nostro Paese possa essere nuovamente coinvolto in azioni belliche, ma in un contesto ancora più incandescente e con la presenza di molti attori importanti.Per questa ragione è fondamentale riprendere una discussione su questi temi.

 

16 GENNAIO ORE 10.30 VIA BALBO 16 - STANZA 107 (1° piano)

 

INTRODUCE Domenico Moro, autore de “La Terza guerra mondiale e il fondamentalismo islamico”

RELATORE Sergio Cararo, direttore di Contropiano

 

Per la partecipazione è prevista la copertura assembleare (codice 350), garantita dalla Rsu Roma su richiesta dei componenti USB PI.

 

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati