Riforma degli EPR, giovedì 17 marzo presidio davanti alla Funzione Pubblica

Roma -

 

Il Governo sta scrivendo la riforma degli Enti Pubblici di Ricerca attraverso l’art.13 della legge 125/2015 (legge delega per la riforma della Pubblica Amministrazione, più nota come delega Madia).
È un’occasione importante per rilanciare il sistema degli Enti Pubblici di Ricerca e non deve essere sprecata!
Non dobbiamo consentire che il Governo Renzi ne faccia un uso sbagliato, utile esclusivamente ad alimentare una deriva iperliberista pericolosa per il Paese, penalizzante per la Ricerca Pubblica e tutta a favore degli interessi delle industrie e dei privati.


Dobbiamo essere noi i protagonisti di questa riforma!
Noi, che facciamo la Ricerca sul campo ogni giorno: ricercatori, tecnici, personale di supporto, precari e non.
Noi che conosciamo i problemi del settore perché li viviamo sulla nostra pelle. Noi dobbiamo scrivere quella riforma, non il Governo o i Presidenti degli Enti espressioni della politica che ci affossa. Dobbiamo farlo noi!

 

Giovedì 17 Marzo 2016 ore 10:30, Ministero della Funzione Pubblica - Piazza Vidoni - Roma


Per chiedere una riforma della Ricerca Pubblica che preveda:

un unico modello di governance a garanzia di indipendenza e progettualità;

finanziamenti con fondi stabili e continuativi;

un piano straordinario di stabilizzazioni;

un autonomo comparto di contrattazione;

il recepimento della Carta Europea dei Ricercatori;

il riferimento unico nella committenza sociale.

ANDIAMO A CHIEDERE E PRETENDERE QUESTA RIFORMA
Perché è un'occasione da non perdere.
Per i lavoratori della Ricerca.
Per il Paese.
PARTECIPA AL PRESIDIO!

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati