ENEA: IL CAPPOTTO DI NAPOLEONE

Roma -

In una delle gags più famose della commedia all’italiana ci sono Totò e Nino Taranto (Don Pasquale) che disputano su quante cose sia possibile avere scambiando allo “sciarcuttiere alla cantonata” (letteralmente “il bottegaio all’angolo”) un vestito da lasciare in pegno. E l’elenco si fa presto sostanzioso: un chilo e mezzo di spaghetti (“ma non pigliare la pasta grossa perchè non la digerisco”), una bella buatta di pomodoro, un chilo di salsiccia, uova quanto basta per una padellata (“ma assicurati che siano fresche, sennò desisti…”), un mezzo chilo di mozzarella, un po’ di frutta secca, un due litri di Gragnano frizzante (“ma assicurati che sia Gragnano. Tu lo assaggi; se è frizzante, lo pigli, se no...”) ecc ecc. La cosa va avanti un po’ e quando Don Pasquale passa all’ultima raccomandazione (“.. e mi raccomando, tornando qui a casa, a fianco al portone c’è il tabacchino, prendi due sigari, uno per te e uno per me e il resto me lo porti va!!...”) pronta arriva la battuta di Totò: “Oh Pasquà dimmi una cosa: ma qui dentro c’è il paltò di Napoleone?”

Il film, notissimo, è Miseria e Nobiltà ma il dialogo –forse anche il titolo- potrebbe andare bene anche per descrivere la piega che sta prendendo la trattativa su indennità e distribuzione di “una tantum” che dovrebbero riportare al personale le quote di fondi non distribuite negli anni passati.

Il riferimento alla commedia di Scarpetta viene fuori per diversi motivi: la logica iniqua della distribuzione; la discutibilissima e per noi inaccettabile enfasi sulla “nobiltà” dei criteri meritocratici; la creazione d’una schiera di “nominati” (o rinominati) gratificati da “indennità di posizione” e dalla possibilità di nominare a loro volta altri dipendenti a rivestire compiti a cui spetteranno “indennità di funzione”; la distribuzione di congrue indennità per i titolari di progetti con importi in quota ENEA superiori a 500mila euri; la creazione d’un doppio sistema di “indennizzati e meritevoli” che fa concorrenza, per costi e numero di posti, alla precedente struttura, ecc ecc.

Leggi tutto nel comunicato allegato!

USB P.I. Ricerca

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati